Ristorante Da Gorini, San Piero in Bagno

////Ristorante Da Gorini, San Piero in Bagno
Ristorante Da Gorini, San Piero in Bagno2018-09-19T09:07:03+00:00

Project Description

Ristorante Da Gorini

Punteggio: 5 / 5
Prezzo (escluso bevande): 40 / 70,00 euro cad.

  • Via Giuseppe Verdi, 5, San Piero in Bagno (FC)

  • 0543 1908056

  • CHEF: Gianluca Gorini
    MAITRE: Sara Silvani

Specialità consigliate

  • Cremoso al parmigiano reggiano, funghi crudi e cotti, noci e nepetella
  • Battuta di manzo, pomodoro macerato, estratto di mandorla e pompelmo rosa
  • Calamari grigliati, clorofilla di prezzemolo, capperi, olive e polvere di agrumi Cozze e vongole in tegame, patate alla cenere, semi di finocchio e pepe verde
  • Primo sale di capra, melanzane affumicate, sedano, semi di pomodoro e scalogno
  • Tagliolini verdi alle canocchie, pane profumato alle alghe e limone marinato
  • Passatelli romagnoli, gamberi rossi crudi, infuso di crostacei profumato alla verbena
  • Risotto cotto in brodo di funghi, tè nero, timo cedrino e tartufo nero
  • Rigatoni alla crema di parmigiano affumicato, macis, cocco e salsiccia secca
  • Cappelletti ripieni di coniglio, semi di zucca tostati, finocchietto e polvere di olive
  • Rana pescatrice grigliata, battuto di zucchine, erba cipollina e tè verde
  • Maialino di Mora romagnola alla brace, anice verde, capperi secchi e salsa di limone
  • Faraona arrosto, albicocche al vermut, salsa di nocciola e resina di rosmarino
  • Agnello bianco IGP arrostito alle 16 erbe, insalata di funghi, erbe, sesamo nero e soia
  • Piccione allo spiedo, estratto di alloro, cipolla al cartoccio e salsa di cipolla
  • Zuppa inglese “da Gorini”
  • Semifreddo al raviggiolo, amarene sciroppate, croccante alle noci e vermut 721
  • Fucsia: rabarbaro al gin, crema di mandorle ermelline e sorbetto al lampone
  • Fichi caramellati, sorbetto al limone, caramello ed estratto di cannella
  • Pesca candita, crema montata alla nocciola, cacao e sorbetto all’amaretto

Vi è mai capitato di avere un cambio di programma e ripianificare in poche ore tutto?

Solitamente, essendo uno preciso, questo tipo di situazione mi destabilizza, mi irrita. Tu fai tutto per bene poi arriva qualche causa esterna e… bum! ti cambia tutto. Stavolta però l’ho presa con filosofia, anzi più che filosofia l’ho presa di palato! Ne ho infatti approfittato per fare tappa in un ristorante, da tempo nel mio mirino, “da Gorini”.

Questo locale si trova sull’Appennino Tosco Romagnolo, nel piccolo paese di San Piero in Bagno e per andarci devi essere o del posto o un appassionato di buona cucina come me. Appena arrivati scendiamo dalla macchina e la sensazione è già di benessere.

Ti guardi attorno, le montagne, il campanile della chiesa, le arcate del centro storico, e tirando un sospiro ti riempi di quell’aria buona e fresca di montagna. Il classico piccolo paesino dove tutti si conoscono e nulla sembra scalfire la pace che si percepisce. Ci avviamo in cerca del locale… ed eccolo!

Una targa con incisa la scritta “daGorini” ci indica l’ingresso. Già entrando la prima percezione è di un locale dal calore famigliare, rustico, dall’aspetto tipico delle case di montagna, arcata in sassi, toni caldi, gli arredi in legno. All’ingresso delle poltrone e un camino amplificano questa sensazione di calore, come ad essere entrati in casa di amici.

Ci accomodiamo nella sala più grande. Il servizio si dimostra subito amichevole, informale, con la gentilezza e l’accoglienza che ci si aspetta entrando.

Mentre scrutiamo il menù, ci omaggiano di piccoli amuse bouche composti da “Cocomero e bitter”, “Rapa rossa marinata, burro all’Acciuga e bergamotto”, “Cetriolo, Caprino e sesamo nero”, “Parmigiano soffiato e Vermut 721” e “Spinacino, mostarda di mandarino e semi di zucca”.

Diamo uno sguardo al menù che si divide in 2 due percorsi di degustazione: “La vostra mano libera”, oppure “La mia mano libera”.

Decidiamo di scegliere alla carta, e già dalla lettura dei piatti si percepisce un legame profondo con il territorio. Nel contempo lo chef si avvicina sorridente tra i tavoli per dare il benvenuto.

Iniziamo la nostra esperienza con 2 antipasti sinonimo di quella ricerca e genuinità che ritroveremo in tutte le portate, “Cremoso al parmigiano reggiano, funghi crudi e cotti, noci e nepetella” e “Battuta di manzo, pomodoro macerato, estratto di mandorla e pompelmo rosa”.

Mentre il primo è una hola di sapori concreti, guduriosi, veri, e ben bilanciati, la battuta è sinonimo di freschezza, con il gioco di acidità del pompelmo a ravvivare il piatto.

Anche qui ne emerge una cucina pulita, semplice, concreta, con accostamenti studiati ed elaborati, dove la materia prima non viene stravolta ma conserva la propria identità.

Passiamo ai primi, 2 portate da leccare l’intero piatto: “Rigatoni alla crema di parmigiano affumicato, macis, cocco e salsiccia secca” e “Cappelletti ripieni di coniglio, semi di zucca tostati, finocchietto e polvere di olive”.

Accostamenti semplici, ma non banali, azzeccati, che ti fanno sussurrare, ma sai che ci sta proprio bene? I cappelletti, di pasta fresca bella consistente, sotto i denti sono un piacere. Il ripieno è morbido e saporito. Infine il retrogusto amaro dell’oliva e il fondo sapido e cremoso chiudono un cerchio perfetto.

Già abbastanza sazi, a malincuore andiamo direttamente ai dolci, nonostante gli invitanti secondi che ci passino a fianco.

Optiamo per due dessert golosi, “Pesca candita, crema montata alla nocciola, cacao e sorbetto all’amaretto”. “Semifreddo al raviggiolo, amarene sciroppate, croccante alle noci e vermut 721”.

Ancora freschezza, pulizia del gusto, sapori distinti e mai confusi. Mentre il primo è un “tavolozza“ di gusti da piluccare a piacimento nel secondo tutto è nascosto dalla spuma. Affondando il cucchiaio si scoprono le diverse consistenze. Spumoso, morbido, croccante. Un bel gioco per il palato senza perdere in delicatezza.

Infine si arriva al caffè con le piccole coccole finali: “Gelatina al frutto della passione”, “Marshmallow anice e limone”, “Tegolina alla frutta secca”, “Bon bon di pesca e cioccolato al latte”, “Uva fragola”.

Coccole che in realtà non ce ne sarebbe bisogno visto che l’accoglienza e l’attenzione per il cliente permangono in ogni momento. Eccoci quindi al conto.

Pagato gli sveliamo chi siamo con gran stupore di Gianluca che chiacchierando ci conferma poi le nostre percezioni, ovvero un’ idea di cucina fatta di persone, calore, materie prime di qualità e valorizzazione del territorio.

Tutte particolarità che non posso fare a meno di confermare, perché “da Gorinisi sta davvero bene.

Uno star bene reale, come quando ti viene voglia di metterti lì a pancia piena su quelle poltrone all’ingresso e oziare davanti al camino, mentre con l’orecchio proteso ascolti discorsi di vita quotidiana.

Iscriviti alla nostra mailing list!

Ogni mese un sacco di nuove news!







Simon Italian Food userà queste informazioni per rimanere in contatto e mandarti delle news sul mondo del food nonché le ultime recension ai ristoranti. Facci sapere se possiamo inviarti anche le nostre promozioni!

Potrai cambiare idea in qualsiasi momento cliccando su “Annulla la tua iscrizione” nel footer di ogni email che riceverai da noi, oppure scrivendo a pubblicita@simonitalianfood.com.
Trattiamo le tue informazioni nel rispetto della legge.
Per qualsiasi informazione sulla privacy, visita il nostro sito web.
Cliccando su “Iscriviti” accetti i termini.

Mailchimp è la nostra piattaforma marketing. Cliccando su “Iscriviti”, accetti che le tue informazioni siano processate da Mailchimp. Leggi di più sulla privacy di Mailchimp.