Project Description

Logo Vita da Chef - Simon Italian Food

Chef
Antonio Danise

  • Ristorante Villa Necchi alla Portalupa
    Via Cavalier Vittorio Necchi, 2-4
    Fraz. Molino d’Isella – 27025 Gambolò (PV)
    Vai al sito web

Nato a Napoli il 1 febbraio 1984.
Appena terminata la scuola media, lo chef Antonio Danise, si avvicina inizialmente al mondo della cucina più per necessità che per passione. Con la prospettiva di un lavoro che lo allontanasse dalla realtà difficile della periferia napoletana, si iscrive alla scuola alberghiera. Diplomatosi nel 2002 con il massimo dei voti all’Ipsar Luigi De Medici di Ottaviano (NA), inizia le prime esperienze professionali in diversi ristoranti stellati della Campania, tra cui, uno su tutti,
il ristorante “Quattro Passi” di Nerano (2 stelle Michelin). Qui grazie al mentore e severissimo chef Antonio Mellino apprende l’importanza e il rispetto della materia prima, il rigore, la disciplina e le principali tecniche di cottura. Successivamente per 6 mesi si trasferisce in Svizzera per approfondire le competenze e le conoscenze nel campo della pasticceria.

Tornato in Italia, lavora presso il ristorante “Marennà” (1 stella Michelin) dell’azienda vitivinicola Feudi di San Gregorio (AV) e successivamente presso la società di Banqueting “Artintavola”, dove si occupa della realizzazione di eventi. Seppur importante ed indispensabile per il proprio percorso professionale, non sentendosi appagato, attraverso lo chef Walter Dalla Pozza (titolare dell’azienda di Banqueting) nel 2015 decide di cambiare rotta, e di seguire il progetto ristorativo di Villa Necchi alla Portalupa, a Gambolo in provincia di Pavia.

Pignol

Un ristorante situato nella dimora storica della famiglia Necchi produttrice di macchine da cucire. Qui lo chef, sin dall’inizio punta alla valorizzazione del territorio e dei piccoli produttori attraverso una filosofia di cucina contemporanea e allo stesso tempo legata alla tradizione.
Definisce la propria cucina “Vera” ed in costante evoluzione, frutto del legame tra la terra d’origine e quella adottiva, la Lomellina.

Il piatto dello Chef: Storione al barbecue, orzo e caviale